Sirsa, cambiare punto di vista

ram-laxman-542a904f406fa_exlst-1

 

Finita la guerra e sconfitto Ravana, Ram poté finalmente riunirsi con Sita e riprendersi il regno di Ayodhya dopo 14 anni di esilio. Al loro incontro Ram sembrava scontento di Sita, raggiante e risplendente di gioia. La guardava senza sorridere, con un’espressione severa e pensierosa. In cuor suo Ram era lacerato; voleva mostrare il proprio amore a Sita e accoglierla subito, ma temeva le critiche del popolo. Come re doveva dare l’esempio più elevato ai suoi sudditi; Sita era stata nella casa di un altro uomo per quasi un anno. Qualsiasi fossero state le circostanze, qualcuno avrebbe potuto avere qualcosa da ridire e mettere in dubbio la sua castità. Così Ram chiese una prova, non per sé, ma per il popolo, della castità di Sita: avrebbe dovuto superare la prova del fuoco. Ordinò a Lakshmana di accendere una pira dove Sita sarebbe salita. Se fosse uscita intatta la sua purezza sarebbe stata provata. Sita affrontò la prova senza paura e fu portata fuori dal fuoco da Agni stesso, il dio del fuoco, che la reggeva tra le braccia vestita di una tunica rossa, con una ghirlanda di fiori celesti e ornata di gemme scintillanti, splendente come il sole nascente.

“Ecco tua moglie Sita. E’ senza peccato. Non ti è mai stata infedele, né con le parole, né con le azioni, né con i pensieri e nemmeno con lo sguardo. Quindi, Ram, riprendila a cuore aperto”.

Ram dichiarò che Sita era inseparabile da lui, così come la luce non si può separare dal sole.

Dopo due anni di regno felice, un giorno, Ram chiese a Bhadra, il suo ministro, cosa la gente dicesse di lui. “Il popolo dice di te cose meravigliose” rispose Bhadra, ma il suo volto diceva altro, così, sotto insistenza di Ram, Bhadra dovette ammettere che alcuni sudditi avevano dubbi sulla purezza di Sita, nonostante la prova data.

Ram si fece pensieroso e, dopo una lunga e dolorosa riflessione, convocò Lakshmana per chiedergli di portare la regina Sita nella foresta e abbandonarla al proprio destino.

Un servo che aveva udito lo scambio tra Ram e Lakshamana, non riuscendo a comprendere la decisione del proprio re, provò allora a mettersi a testa in giù per vedere se, cambiando il proprio punto di vista, potesse giungere a una comprensione più chiara e limpida.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...